I più letti

ifi Zen Can

Elegante e raffinato, ad un prezzo super

Matteo Esposito

Recensione

ifi ci ha abituato decisamente molto bene con tutta la sua gamma di prodotti recensiti in questi anni. Sono oggetti dedicati all’appassionato di qualità audio, che tuttavia in certi casi sono proposti ad un prezzo assolutamente alla portata di tutti. È il caso dei prodotti della serie ZEN, pensati per l’utilizzo desktop e per soddisfare le necessità di chi ama ascoltare musica da auricolari o cuffie.

Appartiene alla serie ZEN l’ifi ZEN CAN oggetto di questa recensione, un piccolo ma potente amplificatore per cuffie, molto versatile ed equipaggiato con buona parte delle tecnologie ifi dedicate all’audio Hi-Fi.

Come sempre partiamo dal design che è assolutamente il linea con quello dell’intera serie ZEN, permettendo di comporli o impilarli gli uni agli altri in modo molto organico e piacevole alla vista. Ha una forma a trapezio con la superficie laterale, superiore e inferiore raccordata in un’unica curvatura di un bel color grigio antracite, mentre la faccia frontale e posteriore sono in alluminio con finitura spazzolata. Sia al tatto che all’occhio rende particolarmente bene, è un design che strizza l’occhio al passato ma con una qualità moderna. Nella parte inferiore troviamo anche degli elementi anti-scivolo che gli conferiscono una buona stabilità sulle superfici ruvide o lisce. L’unica cosa che consideriamo una nota stonata è la poca solidità di alcuni tasti, come quello di accensione, che ha un po’ di gioco e “suona” quando si solleva o si sposta l’ifi ZEN CAN. Potrebbe essere un problema dell’unità recensita, in ogni caso a livello di funzionalità o una volta poggiato dove lo si desidera non è qualcosa che influisce sull’esperienza che si ha nell’utilizzo di questo amplificatore.

Sulla parte frontale sono presenti i vari controlli e due uscite per le cuffie, mentre nella parte posteriore risiedono i diversi input oltre ad un’uscita bilanciata.

Le dimensioni sono decisamente compatte, solo 158 x 117 x 35 mm e con un peso di 515 grammi. Queste lo rendono un prodotto che pur non essendo concepito per essere spostato qua e là, può essere portato con sé ad esempio all’interno di una borsa per PC o uno zaino senza difficoltà, magari inserendolo in una sacca di tessuto morbido onde evitare di danneggiarlo nel trasporto.

Anche la confezione è curata e particolarmente colorata per quello a cui ci ha abituato ifi. All’interno troviamo alcuni accessori utili ad utilizzare lo ZEN, in particolare: un adattatore jack da 3,5mm a 6,35 mm, un cavo RCA per collegarlo ad una sorgente o un DAC, e infine un alimentatore. Quest’ultimo è tutt’altro che un semplice alimentatore, trattandosi infatti dell’ifi iPower adapter da 5V che da solo costa circa 49 euro e permette di evitare la presenza di indesiderati rumori elettrici derivanti dall’alimentazione. Quest’ultimo è presente però solo all’interno della Launch edition.

Per quanto riguarda la garanzia è la classica di due anni che deve fornire il commerciante, mentre quella della casa costruttrice è di 12 mesi.

ifi zen can box

Caratteristiche e funzionalità

La dotazione tecnica dell’ifi ZEN CAN è di assoluto rispetto, come accennato prima troviamo al suo interno buona parte delle tecnologie utilizzate da ifi per altri suoi prodotti, anche di fascia molto più alta, ad esempio i circuiti di amplificazione Class A Discrete che troviamo anche all’interno del ifi PRO iCAN da quasi 2000 euro.

Partiamo dai circuiti di amplificazione, elemento chiave per questo prodotto. Sono due, uno per il canale destro ed uno per il canale sinistro ed ognuno presenta 4 stadi di amplificazione che possono essere attivati in sequenza tramite il selettore frontale, per un guadagno a step di 6 dB oltre il valore standard ad ogni attivazione di un nuovo stadio. Oltre a garantire tanta potenza, fino a 1600 mW a 32 Ohm, i componenti utilizzati garantiscono una pulizia notevole del segnale analogico in uscita, con una distorsione armonica totale che nel caso dell’utilizzo dell’uscita bilanciata è inferiore allo 0,0007% (4V, 600 Ohm, 1 kHz). Un valore assolutamente notevole. Grazie alla potenza disponibile è in grado di pilotare agilmente anche cuffie da 600 Ohm.

Troviamo anche i due circuiti Xbass e 3D Holographic, presenti in moltissimi prodotti ifi che abbiamo testato. Il loro scopo non è tanto quello di modificare il segnale sorgente quanto di valorizzarlo. L’effetto che realizzano è di dettaglio, non è un “boost” ai bassi o una strana superiore spazialità artificiosa del suono, però aiutano a compensare qualche mancanza che potrebbero avere cuffie o auricolari specifici in quei settori. L’obiettivo è sempre quello della fedeltà audio, solo che in questo caso è l’amplificatore che ci mette del suo per superare i limiti di quello che utilizziamo a valle cioè appunto le cuffie o gli auricolari in nostro possesso.

Passiamo quindi alle porte a disposizione. Posteriormente troviamo tre ingressi distinti, che possono poi essere selezionati tramite il pulsante posto frontalmente accanto all’accensione: RCA, jack da 3,5 mm single-ended e un ingresso 4,4 mm Pentacon bilanciato. Quest’ultimo è ancora qualcosa di non comunissimo sul mercato e quindi potrebbe non essere facile provarne l’efficacia con qualcosa di cui già disponiamo, tuttavia è assolutamente apprezzabile come possibilità anche di upgrade futuro. Inoltre è presente anche un’uscita bilanciata, non dedicata però alle cuffie ma per quando lo ZEN CAN viene utilizzato come pre-amplificatore. Non è presente invece un ingresso XLR nativo.

Frontalmente invece troviamo le due uscite: da 6,35 mm single-ended e 4,4 mm Pentacon bilanciata. Sempre sul pannello frontale sono presenti anche i controlli. In particolare è doveroso soffermarsi sulla rotella del volume, estremamente precisa e sfruttabile proprio in virtù della regolazione a stadi offerta dall’amplificatore. Grazie a quest’ultima è possibile scegliere il livello di amplificazione desiderato “a step” per poi utilizzare la rotella come regolazione fine. Il comando in sé inoltre è molto preciso e piacevole nell’utilizzo.

Con le caratteristiche tecniche che offre è veramente difficile trovare delle cuffie che non siano gestibili in modo ottimale dallo ZEN CAN ed è qualcosa di notevole per un prodotto di questa fascia di prezzo.

ifi zen can profilo dall'alto

Utilizzo

Abbiamo provato l’ifi ZEN CAN con delle cuffie monitor DT 990 PRO da 250 Ohm, un buon match per questo amplificatore, sia in termini di caratteristiche tecniche che di fascia di prezzo.

Come sorgente siamo partiti da un banalissimo portatile. L’idea infatti era quella di vedere dove ci si potesse spingere partendo da qualcosa di assolutamente povero a livello audio. Il risultato è veramente di rilievo. La qualità dell’audio è immediatamente percepibile nel modo in cui vengono guidate le cuffie senza alcuna difficoltà, anche usando uno o due stadi di amplificazione, il volume è potente ma preciso. Aumentando la qualità della sorgente e soprattutto del DAC le cose vanno solo a migliorare ulteriormente. Che si tratti di musica strumentale, tracce dove la voce è la parte predominante, o musica elettronica non si può che apprezzare il lavoro svolto da ifi nel realizzare questo prodotto. Il piacere all’ascolto è notevole.

Non abbiamo rilevato un particolare colore nel modo di riprodurre il suono, tuttavia non dà mai la sensazione di asettico o chirurgico, anche senza attivare i circuiti Xbass o 3D Holographic. La rappresentazione è molto fedele alla realtà e priva di impronte.

Quando si attivano i due circuiti Xbass e 3D, singolarmente o in contemporanea, l’effetto si nota ma non è mai di disturbo, detto questo, nel caso delle DT 990 PRO tuttavia la nostra preferenza è stata quella di non utilizzarli durante l’ascolto, la resa ci è sembrata perfetta così com’era senza bisogno di aggiungere altro.

Per chi avesse la possibilità di utilizzare le uscite bilanciate da 4,4 mm sicuramente i benefici aumentano ancora di più, potendo sfruttare la divisione tra i circuiti di amplificazione e la maggiore potenza per guidare gli speaker.

ifi zen can profilo frontale

Verdetto

Non possiamo che dare un ottimo giudizio all’ifi ZEN CAN, un amplificatore per cuffie ed auricolari che per soli 185 euro permette di ottenere una qualità audio davvero ottima a qualsiasi livello di amplificazione e offre una grande versatilità anche nell’accoppiamento con altri DAC.

PRO:

  • Ottime caratteristiche tecniche
  • Versatilità, ricca disponibilità di input ed output
  • Bel design
  • Prezzo molto contenuto

CONTRO:

  • Qualche piccolo dettaglio a livello di assemblaggio dei tasti frontali

ifi zen can set accessori

Alternative

Sul mercato esistono altri amplificatori per cuffie molto interessanti come ad esempio lo Schiit Audio Magni 3 o il Topping L30, probabilmente però lo ZEN CAN di ifi è quello che al prezzo proposto offre le prestazioni e versatilità migliori.

Cerchiamo quindi di capire meglio che tipologia di prodotto acquistare in base alle necessità. Se alla vostra postazione domestica l’ascolto è prevalentemente fatto tramite altoparlanti, e solo sporadicamente tramite cuffie o auricolari, questo evidentemente non è il prodotto che fa per voi. In questo caso infatti potrebbe essere ideale avere o un amplificatore dedicato agli speaker, che tuttavia potrebbe avere un prezzo molto più sostanzioso a parità di qualità audio, oppure in caso di casse attive potreste optare per un DAC con un minimo di amplificazione per quando lo usate per le cuffie.

In quest’ultimo caso può essere utile sempre di ifi lo ZEN DAC, acquistabile a circa 139 euro. Può essere anche un ottimo compagno dello ZEN CAN, che potrete invece acquistare in un secondo momento. A livello di amplificazione è ovviamente molto limitato rispetto al CAN ma a quel costo è davvero difficile chiedere di più. In coppia, con circa 300 euro ci si realizza la base per un ottimo piccolo impianto da scrivania.

Se invece l’idea è quella di ascoltare in mobilità, allora l’ideale è optare per qualcosa tipo l’ifi xCAN, estremamente compatto ma in grado di fornire fino a 1000 mW a 32 Ohm, ad un prezzo però di circa 350 euro. Oppure, se non avete necessità di tutta quella potenza in mobilità, pensare ad un piccolo DAC con amplificatore integrato anch’esso portatile come l’ifi nano iDSD Black Label, un prodotto molto interessante per i 230 euro che sono richiesti.

ifi zen can profilo laterale

Specifiche

Riportiamo di seguito alcune delle specifiche tecniche principali per l’ifi ZEN CAN per ulteriori dettagli vi rimandiamo direttamente alla pagina dedicata del produttore

  • Dimensioni: 158 x 117 x 35 mm
  • Peso: 515 grammi
  • Inputs: 4,4 mm Pentacon BAL, RCA L/R Socket SE, 3,5 mm jack SE
  • Outputs: 4,4 mm Pentacon BAL (frontale per cuffie, posteriore passante), 6,35 mm SE per cuffie
  • Potenza (uscita bilanciata): 15,1 V/385 mW @600 Ohm / 11,0 V/1890 mW @64 Ohm
  • Potenza (uscita Single Ended): 7,6 V/196 mW @ 300 Ohm / 7,2 V/1600 mW @ 32 Ohm
  • THD: < 0,0007% (4V out, 600 Ohm, 1kHz) sull’uscita bilanciata, < 0,006% (@ 100 mW / 1,27 V 16 Ohm)
  • SNR: >120 dBA (@15,2 V bilanciata) / >118 dBA (@ 7.6 V single ended)
  • Risposta in frequenza: 20 Hz – 20 kHz
  • Alimentazione: DC 5V/2.5 A
I tag più seguiti