I più letti

Apple WWDC 2017 - Prima parte

Molte le novità in arrivo da Apple, vediamone alcune

Fabio Esposito

Apple ha presentato molte interessanti novità al suo WWDC. Buona parte dei prodotti hanno visto dei miglioramenti più o meno importanti. Nel corso dei prossimi giorni ve ne parliamo in dettaglio. Partiamo da quanto presentato per iPad Pro ed iOS.

iPad Pro

La versione più performante del tablet Apple si rinnova con un nuovo display retina da 10,5 pollici, il 20% più ampio della versione “piccola” precedente, con una risoluzione di 2224 x 1668 px. Le novità del display però non sono solo nella dimensione ma anche nella frequenza di aggiornamento, che può essere scalata automaticamente in base alla sorgente e può arrivare fino a 120 Hz, il doppio di un monitor standard. In questo modo si riduce quindi la latenza e migliora la fluidità delle immagini, utile non solo durante il gioco ma anche per aumentare la prontezza di risposta e naturalezza dell’uso della Apple Pen sullo schermo. La luminosità arriva a 600 nits, il profilo di colore è il P3, più ampio del classico sRGB per dare ancora maggiore vividezza e verosimiglianza alla realtà ai colori.

ipad pro wwdc 2017

Il processore è l’A10X Fusion da 64 bit, che migliora del 30% la potenza di calcolo e del 40% le prestazioni grafiche. Il nuovo processore è potente a sufficienza per gestire modelli 3D con fluidità, editare video in 4K in tempo reale ed ovviamente divertirsi con i giochi di ultima generazione presenti su App Store. L’incremento di prestazioni si rivela utile anche nel multitasking avanzato, potendo gestire più App aperte contemporaneamente. Tutto questo mantenendo la classica ottima durata della batteria di questi dispositivi, che può arrivare a 10 ore.

Il nuovo iPad Pro fa uso delle stesse fotocamere che monta iPhone 7, la posteriore da 12 MP e l’anteriore da 7 MP.

Altre novità riguardano l’uso del Machine Learning, argomento caldo di questi ultimi anni, che raccoglie tutta una serie di algoritmi che mimano in modo di apprendere del nostro cervello, e del nuovo sistema operativo iOS 11.

ipad pro wwdc 2017 colori

Il nuovo iPad Pro è disponibile in entrambe le versioni da 10,5” e 12,9”, con o senza connessione LTE e con memoria interna a partire da 64 GB al prezzo di partenza di 699 dollari per la versione “base”, per arrivare a ben 1.229 dollari per la versione da 12,9”, con 512 GB di memoria e dotata sia di Wi-Fi che LTE.  

iOS 11

Si sa, senza iOS iPad ed iPhone non sarebbero certo la stessa cosa, e con ogni novità sull’hardware Apple è solita introdurre novità software per poterne sfruttare al massimo le potenzialità. Il nuovo sistema operativo per i dispositivi mobili Apple sarà disponibile da questo autunno e propone per la prima volta “Files” un’App per organizzare i file in cartelle, cercarli, organizzarli, come su un sistema operativo Desktop, non solo i file caricati all’interno di iPad ma anche quelli sincronizzati all’interno delle diverse applicazioni di storage locale e cloud come iCloud Drive o Dropbox.

ios 11 files

Altra novità introdotta da iOS 11 è il Dock, che mima quello classico di macOS ed è particolarmente utile nel multitasking. Con le novità introdotte il confine tra i due sistemi operativi diventa sempre più leggero, con elementi dell’uno che si integrano perfettamente nell’altro, ad esempio il nuovo Dock muta mentre si lavora, proponendoci anche le App che ritiene più probabile che possano esserci utili in un certo momento.

Con iOS 11 aumenta l’integrazione dell’Apple Pen con le diverse App, grazie ad una serie di strumenti che permettono di prendere note praticamente ovunque basta poggiare la penna su iPad per iniziare a prendere nota di quello che più ci interessa, d’altronde se l’opzione si chiama “Instant Markup” un motivo doveva pur esserci.

Alcune delle novità più interessanti introdotte da iOS 11 sono però quelle del cosiddetto ARKit, ossia il sistema di sviluppo di applicazioni di realtà aumentata. Come già introdotto da Microsoft nel suo “Creators Update” di Windows 10, anche Apple lancia quindi una serie di strumenti per gli sviluppatori di App per integrare la realtà aumentata all’interno delle applicazioni scaricabili da App Store.

Altre piccole grandi novità sono ad esempio la possibilità di utilizzare Apple Pay per effettuare pagamenti o trasferimenti di denaro anche tra persona e persona, con un semplice messaggio; oppure le nuove potenzialità offerte dalle applicazioni per la gestione della foto-videocamera. Anche Siri è stata ulteriormente potenziata ed adesso è anche in grado di effettuare per noi traduzioni in varie lingue, andando a colmare in parte quello che era un punto di vantaggio di Google su Apple.     

ios 11 dock e multitasking

App Store ed Apple Music sono stati anch’essi rinnovati nel look il primo e nelle funzionalità il secondo. Tra gli aspetti più interessanti la possibilità di ricevere consigli su che musica ascoltare basandosi su cosa ascoltano i nostri amici. Sempre in ambito musicale anche AirPlay ha ricevuto un aggiornamento, ed adesso permette di controllare più sistemi audio localizzati all’interno della casa, regolando per ognuno di questi il volume in modo autonomo. Non sono immuni da migliorie anche il pannello di controllo della pagina blocca-schermo, adesso dotato di un set di comandi più ampio e meglio organizzato e Maps, con il quale adesso potremmo orientarci non solo tra le diverse corsie in città ma anche all’interno di centri commerciali ed aeroporti.

Ultima novità, il cui potenziale inizia ad essere sfruttato da alcune delle migliorie introdotte, è Core ML, ossia la piattaforma di Machine Learning di Apple che permette di integrare appunto questa tecnologia all’interno delle applicazioni con alcune righe di codice. Dove questi nuovi, potenti strumenti, ci porteranno in futuro lo scopriremo con il tempo, per ora… non ci resta che attendere.

 

 

I tag più seguiti