I più letti

Zendure A8 QuickCharge

Un powerbank mastodontico

Fabio Esposito

Recensione

I powerbank sono sicuramente tra i dispositivi che si stanno diffondendo maggiormente sul mercato degli accessori per telefoni e tablet e non è difficile capirne il perché. All’aumentare delle prestazioni delle nuove generazioni di smartphone infatti non sempre, anzi raramente, riesce a tenere testa la capacità della batteria di questi dispositivi oppure la loro efficienza energetica. Il risultato è che le batterie durano sempre meno. In certi casi, dopo un po’ di tempo e numerosi cicli di ricarica, si rischia di arrivare con difficoltà anche solo a fine di una giornata lavorativa. I powerbank nascono proprio per aiutarci a mantenere carichi i nostri dispositivi elettronici portatili quando non abbiamo modo di ricaricarli ad una presa di corrente, come può accadere ad esempio mentre si è in viaggio, magari a piedi, e darci quella riserva di energia che a volte può davvero fare la differenza. Ci siamo abituati talmente tanto all’uso di smartphone e tablet che ritrovarsi senza a volte può veramente spiazzare… da quanto non toccate una cartina geografica?

Zendure è un marchio estremamente focalizzato sullo sviluppo di sistemi ed accessori per la ricarica, dai powerbank ai caricatori da muro fino ai cavi per il collegamento, come ad esempio quello che abbiamo recensito qui.

zendure a8 quickcharge confezione

La recensione di oggi è dedicata al loro più grande powerbank lo Zendure A8 QC, un “colosso” da ben 26.800 mAh. Davvero molti e sicuramente uno dei più grossi che ci sia mai capitato di provare. La gamma di taglie è decisamente ampia e si passa da un minimo di 3.350 mAh del modello A1 fino appunto ai 26.800 mAh del modello A8, passando dai 6.700 mAh dell’A2, i 10.000 mAh dell’A3, i 13.400 mAh dell’A4 ed in 16.750 dell’A5.

Esteticamente parlando, tutti i modelli sia di powerbank che di caricatori da parete di Zendure sono molto simili ed è immediato riconoscerli. Il loro design ricorda molto quello dei trolley da viaggio Rimowa con una forma squadrata ma dai bordi ampiamente raccordati e delle coste metalliche in rilievo. Anche il colore del modello di prova, l’argento, enfatizza ancora maggiormente questa analogia stilistica. Per quanto sia un’opinione del tutto personale, troviamo la forma molto piacevole sia all’occhio che in termini di impugnatura e per quanto questa somiglianza con un prodotto totalmente diverso possa essere puramente frutto del caso, dona a Zendure una certa levatura.

zendure a8 quickcharge confezione aperta

Anche la confezione è molto curata sia nel design che nella presentazione, si vede l’attenzione di Zendure verso il proprio prodotto. All’interno della confezione troviamo lo Zendure A8 QC, un cavo microUSB – USB per ricaricarlo, un manualetto di istruzioni, una comoda sacca in tessuto in cui trasportarlo e qualche simpatico adesivo.

zendure a8 quickcharge contenuto confezione

Caratteristiche e funzionalità

Lo Zendure A8 QC è un powerbank imponente, non solo per la capacità dichiarata ma anche per le dimensioni ed il peso. Per la ricarica offre due diverse possibilità: la porta USB certificata Qualcomm Quick Charge ed altre tre porte USB denominate ZEN+. Come molti altri produttori di batterie per la ricarica di dispositivi portatili anche Zendure ha dato un nome particolare alla propria tecnologia di ricarica che permette di adattare la tensione e la corrente a quella richiesta dal dispositivo da ricaricare, a tutto vantaggio della sicurezza di quest’ultimo.

La porta Quick Charge 3.0 è sicuramente quella che più adatta per ricaricare i dispositivi che ne possono fare uso, i quali tuttavia sono ben pochi attualmente. Molti di più quelli in grado di sfruttare la 2.0, dato che il sistema per la ricarica di Qualcomm è retro-compatibile sulle versioni precedenti è comunque possibile utilizzare la porta dedicata al Quick Charge. Un’altra funzione interessante permessa dall’utilizzo della porta Quick Charge durante la ricarica è quella di ricaricare un dispositivo mentre si sta ricaricando la batteria stessa, funzione detta “charge-through”.

zendure a8 quickcharge porte di ricarica zen+ e quickcharge con indicatore di carica a led

Le altre tre porte USB sono appunto quelle denominate ZEN+ ed hanno una potenza totale di 15,5 W (5V a 3,1 A) che possono essere concentrati tutti su un’unica porta, ricaricando quindi un dispositivo rapidamente oppure divisa tra più porte, ricaricando più dispositivi contemporaneamente ma ad una velocità inferiore.

La ricarica del powerbank Zendure A8 QC può essere effettuata utilizzando la porta microUSB posta centralmente appena sotto al display dove viene indicato il valore di carica rimanente.

Zendure A8 QC è dotato di un pulsante di accensione che tuttavia serve solo per controllare lo stato di carica quando non c’è nessun dispositivo collegato ad una delle sue porte oppure non è in ricarica, premendo il tasto infatti si accende il display LED per un breve lasso di tempo. Quando si collega un dispositivo ad una delle porte di ricarica oppure lo Zendure viene ricaricato si accende automaticamente mostrando il livello di ricarica presente al suo interno.

zendure a8 quick charge specifiche

Utilizzo

Abbiamo fatto molte prove con questo prodotto. Un aspetto che ci ha immediatamente colpito è stata la rapidità di ricarica. Abbiamo collegato un Samsung S7 Edge completamente scarico ad una delle porte ZEN+ ed in poco meno di 2 ore la ricarica era completata. La cosa però che ci ha lasciati un po’ perplessi è stata la quantità di carica che è stata necessaria per ricaricare i 3.600 mAh del nostro smartphone: esattamente il 30% della carica massima dello Zendure. In pratica tramite le porte ZEN+ abbiamo perso quasi 8.500 mAh per ricaricarne 3.600 mAh. Abbiamo ripetuto i test più volte, anche con ricariche parziali ma il risultato è rimasto estremamente costante. Utilizzando invece la stessa porta con un iPhone 5S, un po’ datato e con la batteria non più ai livelli “da nuovo”, abbiamo ottenuto prestazioni un po’ più incoraggianti, riuscendo a ricaricare il 50% della batteria con poco più del 4% dello Zendure.

zendure a8 quickcharge spessore

Non del tutto convinti dell’esito del test lo abbiamo ripetuto collegando l’S7 Edge alla porta Quick Charge e qui l’esito della prova è cambiato notevolmente, con il 2% di carica dello Zendure A8 abbiamo ricaricato ben il 15% della carica del Samsung, in pratica stavolta con 540 mAh prelevati dal powerbank abbiamo ricaricato lo smartphone 536 mAh, un ottimo risultato.

Il motivo di tutta questa differenza può essere nella migliore ottimizzazione della ricarica realizzata da Qualcomm con il proprio Quick Charge 3.0 rispetto a quella delle porte ZEN+, almeno con lo smartphone della casa sud coreana.

Per quanto riguarda il tempo di ricarica del powerbank possiamo ritenerci più che soddisfatti, Zendure dichiara un valore di 10/12 ore. Nella nostra prova, utilizzando un alimentatore Quick Charge 2.0 siamo riusciti a ricaricare interamente i 26.800 mAh in poco più di 7 ore.

Non crediamo molto nell’utilità di ricaricare più dispositivi contemporaneamente tramite le diverse porte ZEN+, alla fine conviene di più ricaricare meglio e più rapidamente un dispositivo che ricaricarne più di uno molto più lentamente ed in modo decisamente meno efficiente. Se si utilizza quindi la sola porta Quick Charge le prestazioni ottenibili sono veramente buone, con 7 ore di ricarica si può ottenere quasi 7 ricariche complete di uno smartphone dalla batteria generosa come l’S7 Edge, capace peraltro di funzionare per due giorni con la carica ottenuta. In pratica potreste riuscire a fare a meno di una presa elettrica per quasi due settimane, non male!

Verdetto

Lo Zendure A8 QC ci ha impressionato positivamente per alcuni aspetti, innanzitutto la rapidità di carica e di ricarica ma anche per l’ottima capacità dimostrata utilizzando la porta Quick Charge. Le sue altre tre porte ZEN+ non ci hanno particolarmente convinto e le possiamo considerare come un qualcosa di opzionale da utilizzare se proprio se ne ha necessità altrimenti è da preferire la porta Quick Charge (sempre che il dispositivo che decidiamo di collegarvi la supporti). Il prezzo di questo powerbank è tutt’altro che irrisorio, ben 76 euro e non lo si compra certo per la sua economicità. Se però cercate un buon prodotto in grado di darvi anche due settimane di ricarica su uno smartphone allora potrebbe essere qualcosa da tenere in considerazione.

Mastodontico e costoso, sempre di più, infatti il powerbank di casa Zendure costa nel momento in cui aggiorniamo la recensione circa 108 euro su Amazon mentre sul sito ufficiale si sfiorano addirittura 120 euro.

Sinceramente era una cifra alta già anni fa ed in questo momento, a meno che non siate veri appassionati del brand, conviene sinceramente optare per altri powerbank dalla medesima capacità e soprattutto prezzi nella "norma".

PRO:

  • Potenza di carica e ricarica
  • Tecnologia Qualcomm Quick Charge
  • Ottima capacità

CONTRO:

  • Porte ZEN+ poco efficienti con alcuni dispositivi
  • Se si utilizza più di una porta ZEN+ contemporaneamente si suddivide anche la potenza

Alternative

Di powerbank ne esistono un numero quasi imprecisato, questo può portare ad un po’ di indecisione nell’acquisto ma allo stesso tempo rende la scelta abbastanza “sicura”. Esistono molti prodotti di brand più o meno conosciuti che si comportano piuttosto bene. Alcuni di questi li abbiamo recensiti anche qua su HelpForShopping, come l’AUKEY PB-N15, l’iMuto Taurus X4 o il KSIX.

Se gli Zendure vi piacciono particolarmente, ad esempio per il loro design, ma non volete spendere i 76 euro necessari per questo modello potete optare per l’A5 o l’A4, dal costo più contenuto (rispettivamente 36 e 43 euro attualmente su Amazon). Non dispongono però della porta Quick Charge che a nostro parere è essenziale su questo prodotto per sfruttarlo a pieno.

Specifiche

Riportiamo qui di seguito alcune delle specifiche principali dello Zendure A8 QC, per informazioni più dettagliate potete consultare il sito del produttore

  • Capacità: 26.800 mAh
  • Porte output: 1x USB QuickCharge 6V/3A, 6-9V/2A, 9-12V/1,5A; 3x USB ZEN+ 5V/3,1A
  • Porta input: 1x microUSB QuickCharge 5V/2A, 9V/2A 9-12V/1,5A; ZEN+ 5V/2,1A
  • Massima Potenza di carica totale: 15,5 W (5V/3,1A)
  • Materiale: Plastica finitura alluminio
  • Dimensioni: 11,9 x 7,4 x 4 cm
  • Peso: 481 g

 

I tag più seguiti